Pasqua in Armenia

PASQUA IN ARMENIA

Yerevan  – Sevan – Ashtarak – Buyarakan – Echmiadzin – Zvartnots – Khor Virap – Noravank – Areni – Garni – Gheghard 

7 GIORNI / 5 NOTTI

PARTENZE GARANTITE CON MINIMO 2 PERSONE

PROGRAMMA:

18 APRILE: ITALIA – YEREVAN

Partenza per l’Armenia. Cena e pernottamento in aereo.

19 APRILE: YEREVAN – SEVAN – YEREVAN (B/L/D)

Il Venerdì Santo è il giorno nel quale si ricorda la Sofferenza e la morte di Gesù Cristo sulla Croce. La chiesa celebra, verso le due del pomeriggio, la solenne celebrazione della Sofferenza. La sera alla fine della liturgia si effettuano in modo simbolico le esequie del nostro Signore: nella chiesa si fa il giro della tomba simbolica di Gesù decorata di fiori ed accompagnata da una processione solenne.

Arrivo a Yerevan di buon mattino. Incontro in aeroporto con l’assistente locale. Trasferimento organizzato dall’aeroporto in hotel. Sistemazione nelle camere riservate per un breve riposo. Prima colazione in hotel. Mattinata dedicata al tour panoramico della città di Yerevan, capitale dell’Armenia. Visita guidata dei luoghi di particolare rilievo: il Teatro dell’Opera e del Balletto, il Monumento Madre ArmeniaCascade, la Chiesa della Santa Madre di Dio Katoghike del XIII secolo, il Matenadaran (l’Istituto dei manoscritti antichi che include più di 17.000 manoscritti antichi, ma anche archivi e documenti diplomatici dal XIV al XIX secolo). Dopo pranzo si partirà verso la regione di Ghegharquniq dove si estende la regina blu dell’altopiano armeno, il Lago di Sevan, situato 1900 m sopra il livello del mare, uno dei più elevati laghi di acqua dolce nel mondo. Si visiterà il Monastero di Sevanavank, sorto in cima della penisola con un cortile disseminato da tipici khachkar armeni (antiche croci incise sulla pietra) dove si assisterà alla cerimonia del Santo Venerdì. Rientro a Yerevan. Cena e pernottamento.

20 APRILE: YEREVAN – ASHTARAK – BUYARAKAN – YEREVAN(B/L)

Il Sabato Santo  si celebra la Veglia di Pasqua. Si celebra la Resurrezione di Cristo accompagnata dalla liturgia del fuoco: con il nuovo fuoco si accende la candela di Pasqua, durante la processione si proclama la Luce di Cristo, e si accendono le candele dei fedeli. Si proclama l’Annuncio del Giorno di Pasqua.

Prima colazione in albergo. Dopo la visita al Memoriale e Museo del Genocidio Armeno del 1915. Si partirà per la regione di Aragatsotn. Arrivo ad Ashtarak, antichissima e piccola città, capoluogo della regione. Pranzo in un ristorante locale o in una casa degli abitanti. Visita al Monastero di Hovhannavanq dove San Gregorio l’Illuminatore (Gregorio Armeno), portando le reliquie di San Giovanni Battista, costruì la prima cappella del monastero. Alla sera, partecipazione alla proclamazione dell’Annuncio del Giorno di Pasqua alla Basilica di Surb Hovhannes (VII-X secolo) a Byurakan, al termine fiaccolata verso il centro culturale del paese dove continueranno le celebrazioni con le danze e canzoni tradizionali, la decorazione dell’albero pasquale (che in antichità si poteva trovare in ogni famiglia armena), la colorazione e la decorazione delle uova, la presentazione e preparazione dei piatti nazionali pasquali, le spiegazioni dettagliate sulla Pasqua. Dopo la cena a Byurakan rientro a Yerevan e pernottamento. 

21 APRILE: YEREVAN – ECHMIADZIN – ZVARTNOTS – YEREVAN (B/L/D)

La Domenica di Pasqua: alle undici la Chiesa Armena celebra la Messa dell’evento per essa fondamentale.

Prima colazione in albergo. Partenza per la regione di Armavir per la scoperta della città di Echmiadzin, dove batte il cuore della Chiesa Armena Apostolica, sede dell Catholicos di Tutti gli Armeni (capo supremo della chiesa armena). Il nome del luogo significa “L’Unigenito è disceso” poiché, secondo la leggenda, Cristo vi apparve a San Gregorio l’Illuminatore e con un martello dorato mostrò il luogo dove avrebbe dovuto costruire la prima chiesa cristiana a seguito dell’adozione del Cristianesimo, nel 301 a.C.. Visita della Chiesa di Santa Hripsime, una delle 37 vergini lapidate e martirizzate per la loro fede cristiana, della Cattedrale di Echmiadzin (IV secolo) per partecipare alla santa messa pasquale. Pranzo. Al ritorno sosta presso i resti del Tempio di Zvartnots (VII° secolo), crollato a seguito di un terremoto alla fine del X secolo. Gli scavi archeologici tra gli anni 1900 e 1907 rivelarono l’importanza archeologica e architettonica del complesso. Rientro a Yerevan. Visita al mercato artigianale di Vernissage. Cena e pernottamento.

22 APRILE: YEREVAN – KHOR VIRAP – NORAVANK – ARENI – YEREVAN (B/L/D)

Prima colazione in albergo. Partenza per la regione di Ararat, verso il confine Armenia/Turchia. Visita dell Monastero di Khor Virap (IV-VII secolo) dove, secondo la leggenda, fu imprigionato per 13 anni San Gregorio l’Illuminatore; in seguito predicò il Cristianesimo in Armenia e diventò il Primo Catholicos di Tutti gli Armeni. Dal monastero si apre una splendida vista sul biblico monte Ararat. Dopo la visita del monastero si prosegue verso la regione di Vayotz Dzor per arrivare al Monastero di Noravank, eretto in un luogo eccezionale, in totale isolamento, in un ambiente aspro e roccioso, ma insieme grandioso e solenne. Pranzo in ristorante locale. Di ritorno visita alla cantina del villaggio di Areni per la degustazione del vino locale. Rientro a Yerevan, cena e pernottamento.

23 APRILE: YEREVAN – GARNI – GHEGHARD – YEREVAN (B/L/D)

Prima colazione in albergo. Partenza per la regione di Kotaiq. Visita al tempio pagano di Garni, unico tempio del periodo ellenistico conservato in tutta l’Armenia dopo la conversione al Cristianesimo come religione di Stato. Pranzo in una casa degli abitanti del villaggio. Partecipazione alla cottura del pane nazionale “lavash” che viene cotto nel forno sottoterra, fatto completamente in terracotta, chiamato “tonir”. Dopo la visita al Tempio di Garni ci si avvia verso la perla dell’architettura armena religiosa, il Monastero di Gheghard (XIII secolo), famoso per le sue chiese scavate direttamente nella roccia. Il monastero di Geghard è rinomato per la santa lancia con la quale venne trafitto il costato di Cristo. La santa lancia venne portata in Armenia dai due apostoli Taddeo e Bartolomeo e fu conservata a lungo in questo luogo. Su richiesta sarà possibile assistere a un suggestivo concerto di musica sacra armena nelle rocce del monastero di Gheghard (€ 170 da dividere tra i partecipanti). Rientro a Yerevan. Tempo libero a disposizione. Cena di congedo in ristorante e pernottamento in hotel.

24 APRILE: YEREVAN – ITALIA

Check-out, trasferimento all’aeroporto e partenza per l’Italia. Termine dei servizi.

QUOTA PER PERSONA:

PARTENZE 2019

PREZZO

APRILE 18

€ 850

La quota è da considerarsi a persona in Camera Doppia in Hotel 4*

ASSICURAZIONE OBBLIGATORIA: € 45

SUPPLEMENTO SINGOLA: € 175

HOTEL PREVISTI (SECONDO DISPONIBILITÀ, ALTRIMENTI SIMILARI):
Yerevan: Hotel Ani Plaza 4*

LA QUOTA COMPRENDE:

  • Sistemazione in Hotel in Camera doppia
  • Trattamento di Pensione Completa
  • Trasporti con A/C come da programma
  • Guida in italiano
  • Trasferimenti aeroporto/hotel/aeroporto
  • Ingressi e guide locali nei musei
  • Acqua in macchina/minibus/bus

LA QUOTA NON COMPRENDE:

  • Volo e Tasse Aeroportuali
  • Assicurazione obbligatoria (€45)
  • Bevande alcooliche
  • Facchinaggio
  • Mance
  • Tutto ciò che non è indicato ne “la quota comprende”

EXTRA:

  • Trasferimenti privati aeroporto/hotel/aeroporto (nel caso di arrivo con voli diversi da Air Austrian): € 50
  • Early check-in in camera doppia (nel caso di arrivo con voli prima delle tre di notte): € 40
  • Early check-in in camera singola (nel caso di arrivo con voli prima delle tre di notte): € 50

Su richiesta, in fase di prenotazione, verrà inserita la quota del volato dall’aeroporto prescelto al miglior prezzo del momento. Si ricorda che più ci si avvicina alla data di partenza più questa diventa onerosa.

Possibilità di essere abbinati per la sistemazione in hotel ed evitare così il supplemento singola. La richiesta di abbinamento e successiva conferma è subordinata alla firma di una manleva e assunzione di responsabilità.

Visto: per cittadini dell’Unione Europea non è necessario ottenere il visto per l’Armenia.

Note importanti:

  • I musei sono chiusi a Lunedì
  • Nei ristoranti Armeni di solito c’è musica tradizionale piuttosto alta
  • Non è permesso scattare foto all’interno delle chiese, sopratutto durante la messa