Tour Culturale Armenia Classica

HAYASTAN – ARMENIA

Tour Culturale Armenia Classica

30/06/2019 – 08/07/2019

9 GIORNI / 8 NOTTI

Accompagnatore culturale Prof. Aldo Ferrari – Docente di cattedra di Armenistica presso l’Università Ca’ Foscari di Venezia

PROGRAMMA:

1° giorno: ITALIA – YEREVAN

Incontro con la guida parlante italiano e trasferimento in albergo a Yerevan. Sistemazione e riposo.

2° giorno: SCOPERTA DELLA CITTÀ DI YEREVAN, la capitale dell’Armenia

Colazione in albergo. Giro della città di Yerevan: visita dei luoghi e dei monumenti principali della città di Yerevan: Piazza della Repubblica, Piazza dell’Opera, il Monumento “Cascade”, l’Università Statale di Yerevan, Il Parco della Vittoria con l’ imponente statua “Madre Armenia”, il Matenadaran Istituto delle ricerche dei manoscritti antichi che conserva più di 17 000 manoscritti e circa 300 000 documenti d’archivio. Il museo è iscritto nel Registro Internazionale Memorie del Mondo dell’UNESCO. Quindi visiteremo il Memoriale-Museo del Genocidio del 1915, edificato nel 1965, composto da steli massicce di basalto grigio, inclinate sulla fiamma eterna in segno di dolore e di due frecce slanciate verso il cielo che simboleggiano la rinascita del popolo armeno.
Notte in albergo a Yerevan. Pranzo e cena in un ristorante tradizionale a Yerevan.

3° giorno: KHOR VIRAP – NORAVANK – CHIESA DEI CAVALIERI – CIMITERO EBRAICO – JERMUK

Dopo la colazione partenza verso il Sud dell’Armenia. La prima tappa sarà sulla piana dell’Ararat dove visiteremo il monastero di Khor Virap (Fossa Profonda). In questo luogo suggestivo San Gregorio l’Illuminatore, fondatore della Chiesa Apostolica Armena, fu imprigionato per tredici anni nel IV secolo, prima di convertire al cristianesimo il regno d’Armenia. Da qui si apre una magnifica vista sul Monte Ararat, il punto più alto dell’altopiano armeno (5165 m), dove secondo la Bibbia si poggiò l’Arca di Noè e che per millenni è stato il monte sacro degli Armeni. Dopo Khor Virap ci si dirige verso la regione di Vayots Dzor dove visiteremo il monastero di Noravank (XIII-XIV secoli), un complesso medievale di straordinaria bellezza artistica, inserito in paesaggio di particolare suggestione. Pranzo presso il monastero di Noravank. Si prosegue poi verso la vallata di Yegheghis dove sorge la singolare chiesa dei Cavalieri (XIV secolo), dove i soldati venivano benedetti prima di andare in guerra. Continuiamo verso il cimitero ebraico appartenente alla comunità ebraica che abitava a Yegheghis nei secoli XIII-XIV. Nel cimitero sono conservate all’incirca quaranta pietre tombali, le cui iscrizioni, prevalentemente in ebraico, forniscono utili informazioni sulla vita di questa comunità.
Cena e pernottamento in albergo a Jermuk.

4° giorno: KARAHUNGE – TATEV – JERMUK

Dopo la colazione si riparte verso il sud a scoprire il notevole sito megalitico di Karahunge situato a 3 km a nord di Sisian. Il sito sarebbe stato un antico osservatorio destinato a seguire i movimenti degli astri e a misurare il tempo. Karahunge è stato paragonato a Stonehunge di Carnac e Newgrange. Si prosegue verso il monastero di Tatev che raggiungiamo tramite la funivia più lunga del mondo (5750 m). Il monastero (IX-XIV secoli), collocato in una magnifica posizione naturale è stato a lungo un centro non solo religioso ma anche politico dell’antico principato di Siunik. L’insieme di Tatev è in armonia con il paesaggio di montagna che lo circonda.
Pranzo durante rientro a Jermuk. Cena e pernottamento in albergo.

5° giorno: SELIM – NORADUZ – HAYRAVANK – SEVAN – DILIJAN

Dopo la colazione ci si dirige verso la cittadina di Dilijan. Lungo il percorso faremo tappa al caravanserraglio di Selim (XIV secolo); uno dei tanti dell’Armenia che servivano da rifugi per le carovane dirette verso l’Europa e l’Oriente. Quindi sosta al villaggio di Noraduz celebre per il suo cimitero che racchiude la più grande concentrazione dei khatchkar d’Armenia. Il khatchkar, cioè “croce di pietra” è uno dei simboli più espressivi dell’identità cristiana armena. Proseguiamo poi verso il bel monastero di Hayravank che si trova sulla sponda del lago Sevan, su un picco roccioso che forma una sorta di promontorio. Arrivo alla penisola di Sevan. Pranzo al ristorante dove potremo gustare la famosa trota del lago. Dopo il pranzo visita al monastero Sevanavank (IX secolo), dal quale lo sguardo si apre su tutta la superficie del lago. Escursione in barca fino all’isola dei gabbiani. quindi partenza per la cittadina di Dilijan,
Cena e pernottamento in albergo.

6° giorno: DILIJAN – ARDVI – MARMASHEN – GYUMRI

Dopo colazione visiteremo il suggestivo monastero di Ardvi, dove è stato girato anche il famoso film “Il Colore del melograno” del grande regista armeno Serghey Parajanov. Proseguiamo quindi alla volta della città di Gyumri, situata al nord-ovest dell’Armenia, che è il capoluogo della regione di Shirak. È la seconda città dell’Armenia dopo Yerevan e si sviluppò soprattutto nel XIX secolo. Nel 1837, la città fu ribattezzata Alexandropol sotto l’impero russo, in seguito nel 1924, nel periodo sovietico sarà Leninakan. Malgrado il terribile terremoto del 1988, Gyumri è un importante centro culturale ed artistico, ricco di suoi musei e vita artigianale. Tour panoramico della città. Dopo pranzo proseguiamo verso il monastero di Marmashen, uno dei centri religiosi più importanti dell’Armenia medievale. Fu fondato nel X secolo, per volere del principe Vahram Pahlavuni. L’insieme è composto da tre chiese la cui architettura nasce dalla scuola di Ani. Il paesaggio che circonda il monastero, costruito in tufo rosso, è splendido. Alla sera è previsto anche un incontro presso il Centro Culturale Italiano creato dal Console onorario Antonio Montalto. Cena e pernottamento a Gyumri.

7° giorno: YERERUYK – ETCHMIADZIN – YEREVAN

Dopo la colazione ritorno nella città di Yerevan. La prima sosta sarà a Yereruyk, dove si trova un’antica basilica paleo-cristiana (IV-VI sec.), uno tra i più interessanti monumenti dell’architettura armena. Sorge su un altopiano, lungo le sponde del fiume Akhuryan che segna il confine con la Turchia, circa cinque chilometri più a sud di Ani, l’antica capitale dell’Armenia. Ci si sposta quindi verso il villaggio di Kosh, per visitare il celebre khachkar, uno dei più grandi esistenti. Dopo il pranzo si prosegue verso Etchmiadzin, cuore del cristianesimo armeno, la sede del Katholicos (Patriarca) di tutti gli Armeni. L’Armenia fu il primo paese ad adottare il cristianesimo come religione di stato nel 301. La cattedrale di Etchmiadzin è il centro spirituale della Chiesa Apostolica Armena. Visiteremo inoltre le rovine del magnifico tempio di Zvartnots, costruito tra 642 e 662.
Cena e pernottamento a Yerevan.

8° giorno: GHEGARD – GARNI – VERNISSAGE

Dopo colazione partenza in direzione del villaggio di Garni, attraversando la catena montuosa di Ghegam. Il Tempio pagano di Garni è l’unico monumento ellenistico sul territorio armeno del I secolo d.C. Pranzo presso un agriturismo con la partecipazione alla preparazione del pane nazionale detto «lavash» nel forno tradizionale. Proseguiamo quindi verso il celebre monastero di Ghegard situato a 7 km da Garni. Secondo una leggenda questo monastero, il cui nome significa Lancia, conservava la reliquia della lancia con la quale un soldato romano avrebbe trafitto il costato di Cristo Crocefisso. Attualmente la Lancia si trova nel Museo della Cattedrale di Etchmiadzin. Questo straordinario complesso monastico è composto da una chiesa principale, costruita nel XIII secolo e da alcune chiese scavate nella roccia; splendidi khatchkar sono collocato in gran numero all’interno del complesso. Di ritorno a Yerevan sosta al Vernissage, il celebre mercato di arte ed artigianato, tempo libero per gli acquisti personali.
Cena di congedo nel ristorante tradizionale armeno accompagnato di musica e di canti armeni. Notte a Yerevan.

9° giorno: YEREVAN – ITALIA

Trasferimento in aeroporto per il rientro in volo in Italia.

Quota di Partecipazione – Gruppo minimo 15 persone

Costo per persona in camera doppia: € 1.840,00
Quota di iscrizione comprensiva di assicurazione base medico/bagaglio: € 40,00
Supplemento camera singola: € 320,00
Tax aeroportuali – da riconfermare al momento dell’emissione della biglietteria: € 220,00

La quotazione include:
  • Volo aereo internazionale a/r in classe economy
  • Assicurazione base medico/bagaglio
  • 4 notti in albergo a Yerevan
  • 2 notti in albergo a Jermuk
  • 1 notte in albergo a Dilijan
  • 1 notte in albergo a Gyumri
  • Trasferimento da e per l’aeroporto con la presenza della guida parlante italiano o del suo assistente sempre parlante italiano
  • Trasporto per tutto il viaggio come seconda da programma
  • Guida parlante italiano per tutto il tour
  • Accompagnatore culturale Prof. Aldo Ferrari – docente di cattedra di Armenistica presso l’Università Ca’ Foscari di Venezia
  • Pensione completa (FB)
  • Acqua in bus (1 bottiglia ½ litro a persona al giorno)
  • Bibite (acqua gassata e naturale, tè, caffè) durante i pasti
  • Vino l’ultimo giorno a cena
  • Ingressi ai siti e guide locali ai musei
  • Organizzazione dei canti spirituali nel monastero di Gheghard od altro monastero
  • Escursione in barca fino all’isola dei gabbiani
  • Partecipazione alla preparazione del lavash armeno, il pane tradizionale cotto nel tonir caratteristico
  • Mance ai camerieri dei ristoranti ed ai portieri degli alberghi
La quotazione non include:
  • Assicurazione annullamento facoltativa
  • Spese extra
  • Mance alla guida ed all’autista
  • Quello che non viene indicato nella “Quotazione include”

PRENOTAZIONI:

Acconto da versare al momento della prenotazione: €650,00
Saldo da versare entro 30 giorni prima della partenza

CONTATTI:

Anusch Eretzian
Tel: 335 1416955
e-Mail: milan@puntaestviaggi.it