Oroscopo Viaggi 2018: Una meta per ogni Segno

  • 0

Oroscopo Viaggi 2018: Una meta per ogni Segno

Se cercate l’ispirazione per decidere dove trascorrere le prossime vacanze potete pensare di rivolgervi alle stelle. Anche quest’anno proviamo a guardare fra gli astri e proponiamo l’Oroscopo dei viaggi.

Per ogni segno, la destinazione perfetta per il 2018.

Ariete: si prevede un anno pieno di passione, di nuove scoperte, incontri misteriosi e colpi di fulmine travolgenti. La meta ideale è Tenerife.

Toro: un 2018 all’insegna della calma, della pace interiore e della riflessione. Meta consigliata: Helsinki.

Gemelli: un 2018 ricco di soddisfazioni che permetterà di spingersi oltre i propri limiti. La destinazione è Pechino.

Cancro: serve un viaggio per rigenerarsi dopo il 2017. Il luogo perfetto è Zanzibar.

Leone: Un anno intenso per l’amore, ricco di passione e ritorni di fiamma. L’obiettivo è Marrakech.

Vergine: il 2018 vi metterà alla prova e voi dovrete rispondere con tutte le vostre carte migliori. Serve un angolo di pace. La meta ideale è Bali.

Bilancia: l’anno vedrà grandissime soddisfazioni e promozioni. Arriveranno sorprese in ogni campo. Per i viaggi, l’ideale è Porto.

Scorpione: c’è bisogno di stimoli e nuove energie. Il luogo migliore da visitare per trovarli è la sempre viva New York.

Sagittario: il 2018 sarà un anno delle conferma in campo affettivo, ma anche un anno in cui preparare la strada alle grandi svolte in campo. La meta ideale è Praga.

Capricorno: nel 2018 sarete pronti ad innamorarvi di nuovo o a fare il grande passo verso l’altare, a cambiare lavoro o ad accettare una nuova, sorprendente, posizione lavorativa. La destinazione perfetta è Mosca.

Acquario: un nuovo anno in cerca di autonomia e creatività è quello che prevedono le stelle. Il luogo perfetto è Amsterdam.

Pesci: le stelle prevedono un 2018 di paure da superare e di orizzonti da costruire. La meta ideale è vicina a casa: Catania.


  • 0

La classifica delle 10 città più visitate al Mondo

I cinesi si sono messi in viaggio e sono tanti numericamente: ecco spiegato come la classifica delle 100 città più visitate del mondo presentata da Euromonitor al World Travel Market di Londra veda enunciate, e sul podio, un gran numero di capitali asiatiche. Va sottolineato, però, come nonostante nessuna italiana si classifichi nella top ten e Roma riceva meno della metà del numero di arrivi internazionali di Londra, l’Italia rappresenti il paese europeo con il maggior numero di città in classificaRoma al 12° posto, Milano al 27°, Venezia al 38° e Firenze al 44°.

10) Kuala Lumpur

Moderna e cosmopolita è una delle città più dinamiche della Malaysia e di tutta l’Asia. Se le spettacolari Torri Petronas, l’efficiente monorotaia e i centri commerciali con l’aria condizionata regolata al massimo raccontano il lato tecnologicamente avanzato, spendaccione e proiettato verso il futuro della metropoli, le case a due piani della Chinatown, le bancarelle che vendono cibo in strada, i vecchi edifici in stile coloniale, il caos e la folla di alcuni mercati ne descrivono l’origine multiculturale e umile. Kuala Lumpur nasce a metà dell’Ottocento come villaggio di minatori stabilitisi alla confluenza dei fiumi Kelang e Gombak alla ricerca dello stagno. In un secolo e mezzo la città è cresciuta vertiginosamente fino a diventare, nel 1957, con la proclamazione dell’indipendenza, la capitale del nuovo paese. Gli anni Ottanta e Novanta hanno rappresentato il boom economico ed edilizio, ma non hanno cancellato completamente il passato.

9) Shenzhen

Storicamente, il Guangdong era il punto di partenza della Via della Seta Marittima e fu la culla della rivoluzione. In questa provincia sorge Shenzhen, in cui dal 1980 si diede inizio al piano sperimentale per trasformare il modello economico Cinese tradizionale in un modello più liberale e aperto a investimenti provenienti da compagnie estere. Può essere definita senza dubbio la Cupertino cinese: qui, a soli cento chilometri da Hong Kong, ha sede il quartier generale di Huawei, la terza produttrice al mondo di smartphone dopo Apple e Samsung. Camminando per Shenzhen viene da pensare che il futuro prende forma proprio qui, in una città ancora in divenire sospesa tra un passato rurale e un presente in cui tutto è consumo e la crescita appare come una nuova religione. Quando viene la sera, poi, le strade si accendono di mille colori: i ristoranti e i bar brulicano di persone. Il vento, caldo e salato, si calma e quei palazzi immensi prendono forma nel cielo cinese.

8) New York

“The city that never sleeps” è il ritornello di una celebre canzone che più si adatta a New York che appunto sembra non “dormire mai”. Caratterizzata da musei unici al mondo, parchi sconfinati, centri commerciali, locali di ogni stile e gusto, luogo dove prendono vita i grandi musical, senza contare la sua indole creativa che non teme rivali; non c’è nulla di più fantastico della Grande Mela. È la città per eccellenza, dove nascono nuove idee, nuove tendenze, nuove mode che da qui si propagano nel resto del mondo.

7) Parigi

Da sempre modello di stile e una delle città più affascinanti d’Europa. A Parigi tradizione e innovazione convivono meravigliosamente. Basta passeggiare lungo i grandi viali alberati della città per rendersene conto, attraversando i numerosi quartieri-villaggio con l’immancabile panetteria e il fioraio, oppure gli imponenti boulevard che dal palazzo del Louvre portano dritti alla Défense. Parigi stimola i sensi, chiede di essere vista, ascoltata, toccata e assaggiata. Dall’incanto del Lungo Senna agli scorci della città catturati dal finestrino degli autobus, dai discorsi meticolosi degli avventori dei caffè sulla cucina, alle continue testimonianze di arte e cultura, Parigi è la quintessenza dell’essere francesi. Se oggi  è una metropoli a livello mondiale, lo è grazie alla sua capacità di essere da sempre calamita per artisti, scrittori, dissidenti politici e anche per la sua multi-etnicità: la città è un crogiolo di razze e culture, dove si parlano tutte le lingue del mondo e le sinagoghe sorgono accanto alle moschee.

6) Dubai

Per descrivere Dubai basta un aggettivo: esagerato. Tutto, in questa gemma del deserto affacciata sul Golfo Persico, è oltremisura, eccessivo, mai visto. Dai grattacieli alti 800 metri, ai centri commerciali con più di 600 negozi, agli hotel a 7 stelle fino alle piste artificiali dove sciare anche con 40 gradi. E pensare che fino a pochi anni fa era una semplice cittadina di mare del Medio Oriente, nota solo a qualche imprenditore straniero che vi si recava per lavoro. Vent’anni fa Dubai ha scelto di investire nel turismo e nel commercio, trasformandosi in poco tempo nella seconda città più ricca e moderna di tutto il Paese, una sorta di Disneyland del Medio Oriente.  Sotto la superficie dorata, però, esiste un’altra Dubai, più tradizionalista, semplice e intrigante. È la Dubai islamica, quella delle sontuose ma riservate moschee, del dishdasha (l’abito lungo tradizionale maschile) indossato da quasi tutti gli abitanti, dei souq delle spezie e dell’antico quartiere di Bastakiah. Un luogo avveniristico, ma allo stesso tempo rigorosamente fedele al passato: ma forse, in mezzo a tutto, sono proprio le contraddizioni a rendere Dubai così affascinante.

5) Macao

Città dai due volti, Macao è al tempo stesso una località di mare dal carattere mediterraneo con fortezze, chiese e specialità culinarie tipiche del Portogallo, e una sorta di Las Vegas d’Oriente. In effetti la sonnolenta Macao è stata di recente protagonista di un’espansione economica stupefacente.

4) Singapore

Al primo sguardo Singapore appare moderna e un po’ anonima, come molte delle metropoli del Sud-Est asiatico. Ma la realtà è ben diversa: oltre ai grattacieli in vetro e cemento, infatti, c’è tutto un mondo di antiche tradizioni che sopravvivono vigorose, vicoli brulicanti di risciò e lunghe file di fedeli che salgono verso i templi indù. E poi, ci sono le influenze cinesi, malesiane e, ovviamente, indiane che contribuiscono a rendere Singapore una città straordinaria, cosmopolita, affascinante e ricca di storia. Città-stato situata sulla punta meridionale della penisola malese, è il quarto centro finanziario del mondo nonché una delle metropoli più cosmopolite che ci siano. Nonostante sia il secondo Paese più densamente popolato al mondo, dopo il Principato di Monaco, Singapore riesce a conservare intatti luoghi di pace e relax, come i Giardini Botanici, dove i visitatori al loro ingresso vengono avvolti dalla fragranza dei frangipani.

3) Londra

Londra è considerata una città multietnica e cosmopolita la cui vitalità artistica, produttiva e ovviamente turistica, è sotto gli occhi di tutti coloro che si avventurano per le strade trafficate e frequentatissime del suo centro storico ed offre tutto quello che una persona possa chiedere. I musei conservano collezioni artistiche di primo piano nel panorama mondiale e i monumenti storici cittadini non mancano di affascinare i propri visitatori con la millenaria storia dell’area su cui sorge questa affascinante capitale. Che dire dello shopping, Londra ha davvero infinite risorse tra boutique esclusive, i famosi magazzini Harrods e i mercatini più conosciuti dove si trova davvero di tutto e di più.

2) Bangkok

Chiamata Krung Thep in thailandese (Città degli Angeli) e definita anche la Venezia d’Asia per la sua bellezza e i suoi canali navigabili, Bangkok è sicuramente una delle città più affascinanti e intriganti dell’Asia. Prima di diventare la capitale della Thailandia nel 1782, Bangkok era un piccolo villaggio di pescatori sulle sponde del fiume Chao Phraya e per questo viveva prevalentemente di commercio fluviale. Il maestoso fiume, attualmente attraversato da magnifici ponti, divide la città in due parti: quella a ovest è la tranquilla Thonburi, mentre l’altra, a est, è divenuta la Bangkok vivace, caotica, in continua evoluzione e rappresenta la vera anima moderna della capitale thailandese. A Bangkok potrete incontrare ogni tipo di persona ed imbattervi in locali e attività commerciali molto diverse tra loro: locali notturni più o meno trasgressivi, shopping center ultramoderni, gallerie d’arte, musei, mercanti e molto altro ancora. Sullo sfondo, la tradizione millenaria Thai si scorge nei suoi templi buddhisti, nell’architettura del centro storico, nei mercati di prodotti tipici.

1) Hong Kong

Prima con 26,5 milioni di visitatori troviamo Hong Kong, il cui nome significa “porto profumato”, una città dinamica e viva: ogni ora del giorno e della notte i ristoranti pullulano di gente, i centri commerciali sono aperti e si trova sempre qualcosa da fare.  Per 99 anni fu ceduta all’Inghilterra che ne fece una delle sue colonie più fiorenti, senza privare la città delle sue tradizioni, vive ancora oggi. Tornata nel 1997 alla Cina, al motto “un paese, due sistemi”, Hong Kong vanta un’autonomia economica e addirittura una propria moneta che gli hanno sempre assicurato un primato finanziario su tutto l’Estremo Oriente. Il profilo della città dagli anni Ottanta è in costante evoluzione: i grattacieli hanno iniziato a crescere sempre di più e ad assumere forme sempre più eccentriche.


  • 0

Viaggi a tema: da Game of Thrones alle mete Vegan

Al giorno d’oggi sempre più viaggiatori scelgono itinerari molto particolari, ispirati spesso e volentieri alle opere televisive e cinematografiche che costruiscono il nostro immaginario. Non solo, molto spesso le mete hanno come filo conduttore una filosofia di vita o la volontà di vivere un’esperienza fuori dai classici schemi. Ecco che i viaggi a tema vengono sempre più richiesti, creando una sorta di viaggio 3.0 dove poter condividere passioni, scelte di vita ed “avventure” uniche con i propri compagni di viaggio.

Ecco una selezione di cinque viaggi alternativi per andare oltre l’ordinario:

1.SULLE ORME DEL “TRONO DI SPADE”


 

 

 

 

 

 

 

Game of Thrones è una serie che conquista anche per i luoghi dove sono ambientate le vicende dei protagonisti. I set della ricchissima produzione HBO sono dislocati in diversi posti: dall’Irlanda alla Spagna, dall’Islanda a Malta, passando per la Croazia. In quest’ultima nazione, ad esempio, si trova Dubrovnik che ha visto aumentare esponenzialmente il turismo dopo esser stata scelta per essere la location principale di Approdo del Re. Un viaggio nei luoghi di Game of Thrones è lungo, ma sicuramente appagante. Passare una notte a Grande Inverno è un’esperienza molto suggestiva.

2.SUI SET CINEMATOGRAFICI E TELEVISIVI

 

 

 

 

 

 

 

 

L’emozione di immergersi nei luoghi del film che abbiamo amato può essere un’esperienza incredibile. Ecco che nascono diversi itinerari dove scoprire le location che hanno ospitato le nostre storie preferite.
Un esempio può essere un meraviglioso viaggio in Sri Lanka dove vedere i set del film cult Indiana Jones e il Tempio Maledetto, che sebbene ambientato in India fu quasi interamente girato nella zona centrale dell’Isola Smeraldo, attorno alle alture di Kandy.
Altro grande set a  cielo aperto è La Grande Mela. Tutti i suoi luoghi sono stati immortalati da film (pensiamo a Io e Annie o a Manhattan di Woody Allen, a Harry, ti presento Sally con Meg Ryan e Billy Cristal) o da serie tv dal successo planetario (Sex and the City, ad esempio). Chi vuole vivere e rivivere i posti tanto ammirati sullo schermo ha solamente l’imbarazzo della scelta. Noi siamo già pronti per un caffè al Central Perk tanto caro ai sei protagonisti di Friends.

3.UN VIAGGIO DELLO STILE VEGAN

 

 

 

 

 

 

 

 

Secondo le ultime rilevazioni, il 3% degli italiani segue una dieta vegana. Chi si occupa di turismo deve essere preparato a ogni tipo di esigenza alimentare. Bisogna pianificare con largo anticipo per ricercare le strutture che danno le giuste garanzie, le mete migliori sono i Caraibi, attrezzati per ricevere la clientela vegana molto presente nei vicini Stati Uniti, e l’Oriente, dove l’alimentazione è tradizionalmente ricca di proposte vegetali.

4.VIAGGIO “BY FOOT” 

 

 

 

 

 

 

 

 

Le destinazioni possibili per un viaggio che fa della lentezza la sua caratteristica principale sono molte: dal Perù alla Patagonia, dall’Indonesia alla Nuova Zelanda. La visione di paesaggi mozzafiato è garantita. Per chi rimane in Italia c’è l’occasione di seguire la via francigena in Sicilia o la via degli Dei, percorso che lega Bologna e Firenze.

5.LA RISCOPERTA DEL TRENO

 

 

 

 

 

 

 

 

Si può viaggiare nei cinque continenti senza necessariamente prendere l’aereo. Cambia la durata del percorso, ma accrescono la soddisfazione e il bagaglio emotivo che ci portiamo dietro. Se le grandi città europee sono comodamente collegate fra loro, lo stesso non si può dire per alcuni centri italiani. Se dovessimo consigliarvi un viaggio in treno ricco di Storia e storie, non avremmo dubbi nel suggerire la ferrovia Transiberiana. Si parte da Mosca, si arriva a Vladivostok. Due città russe agli estremi del mondo: una con vista Europa, l’altra profondamente immersa nelle dinamiche del continente asiatico.


  • 0

Pasqua: le celebrazioni più particolari nel Mondo

Ormai ci siamo, domenica 16 aprile finalmente si celebrerà la Pasqua. Oltre ad essere una festa religiosa molto importante per i credenti, questa ricorrenza è anche ideale per chi vuole andare in vacanza per un paio di giorni e concedersi finalmente un po’ di relax. Ovviamente però, come si suol dire, “Paese che vai usanza che trovi” e questo vale anche per la Pasqua: ci sono tantissimi modi di celebrare la Pasqua, alcuni anche molto particolari. Vediamone qualcuno.

Pasqua nel mondo: le celebrazioni più strane

  • Spagna, Siviglia: qui i festeggiamenti, come ovvio, cominciano il 19 aprile e proseguono fino al 16. Si tratta della “Semana Santa”, ossia “Settimana Santa”, antica tradizione risalente al XIV secolo. Durante queste giorni di festa, la città viene invasa da moltissimi carri allegorici che colorano tutte le vie, ma non solo. Oltre 60 mila persone appartenenti a diverse confraternite religiose, portano in processione delle statue e delle immagini allegoriche di Gesù e Maria. La processione più importante e degna di nota si svolge il Giovedì Santo a mezzanotte.
  • Norvegia, Kautokeino: dall’8 al 17 aprile, se vi trovate in Norvegia e precisamente a Kautokeino potrete assistere a delle celebrazioni pasquali molto, molto, molto strane! Qui infatti si festeggia alla maniera dei Sami, la popolazione semi-nomade che vive e popola quest’area della Norvegia. I Sami organizzano così un loro festival che inneggia alle loro usanze e al loro stile di vita
  • Italia, Firenze: anche il nostro Bel Paese non si tira certo indietro quando si tratta di celebrare la Pasqua. Ecco allora che a Firenze si tiene una festa molto particolare, quella dello “Scoppio del Carro”. Si tratta di un carro allegorico che, proprio la giornata di Pasqua, viene imbottito di fuochi d’artificio e viene fatto letteralmente saltare in aria. È il vescovo che, durante la Messa di Pasqua, alla fine della funzione accende la miccia dando via allo spettacolo pirotecnico.
  • Grecia, Leonidio: siamo nel Peloponneso e qui la Pasqua è una festività molto sentita. La tradizione vuole che, per celebrare la resurrezione di Cristo si lancino in aria lanterne luminose. Non si fa ovunque nella Grecia, solo in alcune città e, tra le più belle, sicuramente consigliamo quella di Leonidio. Centinaia di lanterne, interamente realizzate a mano infatti, vengono fatte volare nel cielo mentre, chi resta a terra a guardarle è impegnato a bruciare immagini raffiguranti Giuda. Se questo non vi ha emozionato abbastanza, sappiate che non mancano anche le stoviglie rotte: usanza vuole che gli abitanti del Peloponneso lancino dal balcone dei vasi pieni di acqua. Il tutto in concomitanza con lo scoccare della mezzanotte per celebrare l’arrivo della Pasqua. Bello dunque, ma occhio alla testa!

  • 0

Le città più trendy della Costa Azzurra

La Francia è una nazione ricca di sorprese, con un paesaggio mutevole e inaspettato che si apre ad ogni visitatore. Un vero e proprio simbolo della Francia, ideale per una visita nel periodo di bella stagione, è la Costa Azzurra. Situata lungo la costa sud-est del Paese vanta città famose come Nizza, Cannes, Mentone e Monaco, tutte affacciate sul mare e dotate di tutti i comfort e le attrazioni necessarie per affascinare i turisti.

Visitare la Costa Azzurra

Nizza: città poliedrica che, dalla quiete dell’entroterra e della città vecchia, scivola nell’atmosfera più giocosa e frizzante della costa. Affacciata sul mare, Nizza vanta numerose località balneari di rilievo e una lunga passeggiata, la Promenades des Anglais, che costeggia il lungomare accompagnando i visitatori alla scoperta di tutta la città. Per ammirarla dall’altro, invece, è necessario raggiungere Parc du Chateau, collocato in cima a un vero e proprio sperone roccioso dal quale si può ammirare tutta la città. Se invece volete fermarvi in un bar per riposare dovete solo scegliere: caffè, piccoli bistrot e locali sono a vostra disposizione di giorno e di notte, esattamente come mercatini e bancarelle di artigianato che sembrano spuntare ad ogni angolo soprattutto nella parte antica della città. Nizza Vecchia, così viene chiamata la parte storica, è infatti un intricato labirinto di viuzze medioevali e costruzioni barocche che mantiene intatto il fascino e la tradizione della città.

Cannes: conosciuta da tutto il mondo per essere sede del famoso Festival del Cinema, la città in realtà offre ben altro ai visitatori. Con la sua atmosfera elegante, i palazzi d’epoca e gli stabilimenti balneari di lusso concede ai turisti di sentirsi delle vere e proprie star anche solo passeggiando tra le vie della città. Non si può infatti evitare di imbattersi nel Palais des Festivals, dove si tiene la kermesse cinematografica, o nella Allée des Etoils, la passeggiata con le impronte delle mani dei vip. Per godere di un po’ di pace ed elegante tranquillità basta camminare lungo Boulevard de la Croisette: la vista sulla baia e sul mare affascinerà tutti, ma ci si può rilassare anche concedendosi un po’ di shopping nei negozietti di artigianato o mangiando dell’ottimo pesce nei ristoranti dislocati sul lungomare.

Saint Tropez: si rimane nel clima festaiolo ed eccentrico della vita mondana a Sain Tropez, ma si può anche godere di un aspetto molto meno caotico della città. Piccole case di mare dai colori pastello fanno da cornice al mare limpido del porto, Vieux Port. Proprio qui vi è l’antico quartiere dei pescatori la Ponche che rimanda a uno spettacolo intramontabile e tradizionale. Rimanendo nel centro storico, ma dedicandosi allo shopping si può passeggiare lungo Rue Gambetta e la Grande Roue, oppure ammirare l’anima più tradizionale della città in Place des Lices. Qui, due giorni alla settimana – martedì e sabato – c’è il mercato provenzale dove si possono trovare tutti i prodotti tipici a prezzi convenienti.

Antibes e Juan-les-Pins: veri e propri gioielli della Costa Azzurra queste due città sono sicuramente due delle mete più apprezzate dai turisti. Antibes è un borgo medioevale che si sviluppa lungo la costa, un esempio architettonico unico nel suo genere e, soprattutto, ancora intatto. Alle spalle della città, il promontorio Cap d’Antibes, permette ai visitatori di ammirare tutto il paesaggio nel suo splendore. Per gli amanti del mare invece merita una visita il porto Vauban, porto dei miliardaridove, nel passato, approdavano velieri e galeoni e, oggi, yacht e barche di lusso trovano “riposo” nelle acque limpide e color smeraldo. Non manca nemmeno la vita mondana: feste, locali notturni, lounge bar, aperitivi vista mare animano la vita cittadina creando un’atmosfera in bilico tra sfarzo e tradizione.

Cosa mangiare in Costa Azzurra

I piatti tipici della tradizione della Costa Azzurra sono tutti derivanti dalla cucina mediterranea: famosa ed estiva è, ad esempio, la Nizzarda, un’insalatona con uova, acciughe e una varietà cangiante di verdure fresche di stagione. La bouillabaisse è la tipica zuppa di pesce che si può assaporare in moltissimi locali di mare; spostandosi nella varietà di piatti più tipici dell’entroterra si può assaggiare la ratatouille – verdure di stagione cotte e collocate in una terrina: peperoni, zucchine, melanzane, pomodori e cipolle, cotti con olio e erbe provenzali. –. Altro piatto tipico è la pissaladiere: la pasta della pizza viene farcita con cipolle, acciughe e olive.


  • 0

Oroscopo 2017, ogni segno la sua meta

Avete già dato una sbirciata all’Oroscopo per il 2017? Diamo un’occhiata ad astri e costellazioni per capire dove vi porterà di bello il nuovo anno.

Tra costellazioni, congiunture astrali e pianeti; tra stelle, nebulose e comete: eccoci qui a rivelarvi quello che sarà il viaggio perfetto del 2017 in base al vostro segno zodiacale. Romantici cancerini, testardi scorpioni e avventurosi gemelli: quest’anno decidere la destinazione delle vostre vacanze o del vostro viaggio-avventura nel Mondo sarà un gioco da ragazzi.

Oroscopo di viaggio 2017

  • Ariete, Tokyo

    Sono attivi, intelligenti e osservatori i nati sotto il segno dell’Ariete. Per loro il 2017 sarà un anno di grandi novità, che porterà anche parecchi viaggi e spostamenti. La meta ideale è Tokyo, destinazione emergente del 2016 per la crescita a doppia cifra delle ricerche di voli dall’Italia, una città che non si ferma mai, un ombelico del mondo all’avanguardia, ma al contempo ricco di tradizioni.

  • Toro, Miami

    Il Toro è un segno pieno di contagiosa energia, caparbio e sempre pronto a lanciarsi in nuove avventure. Il 2017 vi porterà a Miami, tra palme, spiagge pazzesche, e la scoperta di splendidi quartieri Art Deco, di questa destinazione da sogno fra le più gettonate per il Capodanno: sarà come fare un salto nei mitici anni ’20, così tanto raccontati nella letteratura americana e non solo.

  • Gemelli, Londra

    I Gemelli sono attivi, curiosi, viaggiatori instancabili e amanti del bien vivre: la meta del 2017 è Londra, città che li rispecchia in tutto e per tutto. Magari non incontrerete i Beatles che attraversano sulle strisce pedonali, né i Lord con la bombetta in testa, così vivi nel nostro immaginario. Ma tra il Big Ben e l’House of Parliament, tra Piccadilly Circus e Trafalgar Square, scoprirete una città che ha un’anima enorme.

  • Cancro, Santorini

    Il Cancro è sensibile per antonomasia, è testardo, a volte schivo, ma sempre di grande generosità e aperto alla scoperta. Il suo elemento è l’acqua e le isole sono il suo territorio naturale. La destinazione che le stelle vi riservano per il 2017 è Santorini, la più meridionale delle Cicladi, nel bel mezzo del Mar Egeo. La terra scura, perché vulcanica, contrasta col bianco delle casette a strapiombo sul mare, che è di un blu così intenso che sa riempire gli occhi. Imperdibile il rito del tramonto ad Oia e il tour tra le spiagge.

  • Leone, Maldive

    I viaggiatori del segno del Leone sono intelligenti, oculati nelle scelte, ma anche spericolati, solari e liberi. Per loro abbiamo ottime notizie e una destinazione top, che ha guadagnato anche il terzo posto fra le destinazioni emergenti del 2017: l’anno nuovo li porta dritti dritti alle Maldive, meta magica, sospesa tra realtà e incanto.

  • Vergine, Astana

    I nati sotto il segno della Vergine sono dinamici, concreti e pieni di voglia di mettersi in gioco, in ogni occasione: per loro una meta insolita, fuori dalle rotte turistiche più classiche, per far emergere tutta la loro intraprendenza. Il 2017 vi porta in viaggio ad Astana, ambiziosa e moderna Capitale del Kazakistan: qui ammirerete una città con un’anima sofisticata e altera, con un cuore pulsante di tradizioni, con un vestito moderno e sgargiante nel bel mezzo della steppa sconfinata e antichissima.

  • Bilancia, Copenaghen

    L’equilibrio e il gran gusto sono le caratteristiche principali del segno della Bilancia, che vanta anche un carattere sicuro e sincero. Il 2017 regalerà loro un biglietto per Copenaghen, la romantica capitale danese. Tra le città più verdi d’Europa, questa è una perla da scoprire tra una pedalata e l’altra: innovazione e stile qui vanno a braccetto, il design ultra moderno si sposa coi palazzi storici e poi la Sirenetta, i meravigliosi musei e le gallerie d’arte, i giardini di Tivoli e chi più ne ha più ne metta.

  • Capricorno, San Pietroburgo

    Per i Capricorno, introspettivi, affidabili e pazienti, il nuovo anno esplora strade poco battute: l’oroscopo di viaggio gli affida una meta speciale, ad Est. San Pietroburgo è una città che da sempre è un ponte con l’Europa, ma che conserva ed esalta i caratteri della tradizione russa. L’Hermitage vi farà trascorrere (tante) ore incredibili tra le sale del museo più grande e magnifico del mondo. Poi il Palazzo di Peterhof, la Cattedrale di Sant’Isacco, la Fortezza dei Santi Pietro e Paolo, con all’interno le tombe di quasi tutti gli Zar e le Zarine di Russia.

  • Scorpione, Siviglia

    Per il segno dello Scorpione, che per eccellenza incarna la determinazione e il pragmatismo, le stelle prevedono un viaggio pieno di fascino e sensualità, in una città che incrocia e interseca popoli, che mescola stili ed epoche: Siviglia! Meravigliosa città andalusa, Siviglia è caliente, frizzante di vita e bellissima. Il suo centro storico è di una bellezza disarmante: il Palazzo Reale dell’Alcazar, la Cattedrale e l’Archivio Generale delle Indie sono meritatamente Patrimonio UNESCO.

  • Sagittario, Parigi

    Sono pieni di qualità gli amici del Sagittario, responsabili e idealisti. Per loro il 2017 sarà un anno in ascesa: non dovrete andare dall’altra parte del Mondo a cercare la meta ideale perché le Stelle hanno in serbo per voi un fantastico viaggio a Parigi. La Ville Lumière è un sogno ad occhi aperti. Audrey Hepburn nel film di Billy Wilder, Sabrina, dice che Parigi è sempre una buona idea.

  • Acquario, Lisbona

    Eccentrici e creativi, leali e inarrestabili: per gli Acquario il 2017 sarà un anno carico di emozioni, di progetti da portare avanti con grinta e pieno di persone da incrociare sul proprio cammino. Per voi una meta stupenda e dietro l’angolo: le stelle consigliano un viaggio a Lisbona, capitale del Portogallo e destinazione sempre più ricercata dai viaggiatori italiani. La Torre di Belem, il Bairro Alto e lo storico Tram 28 sono solo alcune delle tante attrazioni da vedere. Sulle note di un fado, lasciatevi incantare dall’orizzonte e dai bagliori del Fiume Tago che si scorge alla fine dei vicoletti, dall’atmosfera misteriosa dell’Alfama e dalla suggestione dei più bei Miradores della città.

  • Pesci, Buenos Aires

    Chiudiamo in bellezza coi Pesci, pieni di interessi, sognatori ed eleganti, che le Stelle quest’anno spediscono lontano lontano, verso la splendida capitale dell’Argentina e del tango: Buenos Aires. Questa è una città speciale che vi conquisterà con tutto il suo carico di fascino e bellezza. Tappe obbligate sono la Casa Rosada, residenza del Presidente della Repubblica, proprio sulla Plaza de Mayo, e La Boca, uno dei quartieri più vivaci della città, coi suoi edifici coloratissimi. Ma i posti da vedere qui sono una miriade. Impossibile resistere!


  • 0

10 idee regalo a tema Viaggio

Il Natale ormai è alle porte, c’è bisogno di tirare fuori le idee su cosa regalare ai propri cari. I più fortunati c’hanno già pensato per tempo, forti di una immensa propensione a scegliere cosa mettere sotto l’albero; per noi comuni mortali è ora di iniziare a spremere le meningi.
Se come noi adorate viaggiare o i vostri amici e parenti soffrono di questa sanissima passione, ecco per voi una lista di dieci regali a tema viaggio che faranno felice qualsiasi Globetrotter.

  1. Libri a tema viaggio. Il regalo intramontabile per eccellenza, a patto che piaccia leggere. Coniugare due passioni può essere una soluzione economica e veloce e, perché no, anche tecnologica se si preferisce il formato elettronico.
    Se ad esempio avete un amico in partenza per le prossime vacanze natalizie personalizzate il regalo offrendogli una pubblicazione che tratti del Paese che andrà a visitare.
  2. Scratch My Map off. Ovvero la mappa del mondo da grattare! Un regalo davvero simpatico e originale per tutti gli inguaribili giramondo. A prima vista, ha l’aspetto di una classica cartina geografica versione poster, ma guardando con attenzione si nota la sottile lamina d’oro che può essere grattata con una monetina proprio come i gratta e vinci. Ogni continente ha il suo colore così al ritorno da ogni viaggio la mappa sarà sempre più colorata. Regalo ottimo per chi ama viaggiare o per chi, più semplicemente, sogna di farlo. Disponibile anche in versione deluxe. Prezzo: da 22€ ca.
  3. Moleskine. Regalo amato da ogni viaggiatore. Taccuino per eccellenza per imprimere su carta pensieri e emozioni. Ce ne sono di veramente carini stampati appositamente con design di viaggio come il Moleskine Voyageur. L’edizione più azzeccata e preziosa, se ancora si riesce a trovare, è “Viaggiatori nelle terre selvagge, edizione limitata Hobbit“. Prezzo: dipende da quale si sceglie, Voyageur da 20€.
  4. Ricette dal mondo. Sul web esistono tantissime pubblicazioni di cucina etnica adatte a vegetariani, vegani, sushi-dipendenti e così via. Adatto a chiunque ami tornare da un viaggio arricchito da esperienze e nuovi sapori e tenti di riprodurre il tutto nella propria casa. Prezzo: 15-20€
  5. Octopus. Uno dei supporti più versatili della GoPro. Grazie alle sue gambette snodabili è un treppiede modulabile su qualsiasi superficie. E’ molto economico rispetto agli altri supporti indi per cui, prima di regalarlo ad un viaggiatore dotato della celebre macchinetta, assicuratevi che non l’abbia già acquistato.
  6. Caricabatterie da auto o portatili. è finita l’era dei Nokia 3310 con batteria pressoché inesauribile. Sui nuovi smartphone e tablet è sufficiente utilizzare un’applicazione per una trentina di minuti per vedere l’icona della batteria precipitare di almeno una tacca. I caricabatterie da auto o portatili cambiano l’esistenza di qualsiasi viaggiatore “on the road” attaccato alla tecnologia. All’apparenza uno strano regalo, è in realtà un pensiero molto utile.
  7. Travalo. adatto all’amica che non rinuncia al suo profumo preferito neanche in viaggio. Un vaporizzatore indistruttibile che salverà le preziose gocce della sua essenza preferita. Prezzo: mini come il suo formato , per il più economico (20€).
  8.  Autour du Monde: Una mappa mondiale magnetica da appendere al frigo e riempire di viaggi, progetti e sogni nel cassetto. Da regalare e regalarsi. Prezzo: 27,60.
  9. Accessori d’arredo a tema viaggio. Esistono molti accessori e complementi d’arredo che, mescolati a elementi tradizionali, riescono a valorizzare l’idea del viaggio in un’abitazione. Qualche esempio? Una lampada in stile marocchino posizionata nella stanza giusta crea un’atmosfera da mille e una notte, una mappa appesa a una parete porta a trascorrere molte sere a sognare. Le possibilità sono infinite, cercate di capire i gusti del destinatario coinvolgendolo in un giro di shopping. Preferite stupirlo con un’idea fai da te? Ritagliate la mappa del suo viaggio del cuore nella forma che preferite e racchiudetela in una cornice.
  10. Buono regalo di viaggio. Probabilmente il più apprezzato, perché si da la possibilità, a chi lo riceve, di scegliere il prossimo viaggio da intraprendere, il prossimo sogno da realizzare. Ne esistono di vari tipi, dal voucher aereo alle classiche box regalo. Noi vi proponiamo la nostra personale offerta, un Buono del valore che voi preferite, spendibile sia online che in agenzia. Chi lo riceverà potrà decidere come, quando e per cosa spenderlo. Cosa c’è di più bello che regalare la possibilità di scelta, la possibilità di esaudire un desiderio?😍

Buono shopping natalizio! 😉


  • 0

Dove vanno gli italiani a Capodanno?

Il Capodanno è una festa tanto attesa quanto “spaventosa”. Tutti si chiedono “Cosa facciamo a Capodanno?” e la domanda terrorizza chi non ha alcuna idea sul come passare la notte di San Silvestro che, si sa, deve essere per forza bellissima e divertentissima. Così, tra chi rimane in Italia a casa di amici c’è invece chi decide di andare all’estero in vacanza e le mete prescelte sono svariate.

È stata stilata una lista di  quali sono le 10 mete più ricercate dagli italiani per trascorrere il capodanno 2016. La tendenza è quella di andare all’estero, ma non troppo lontani da casa!

“Quando un uomo è stanco di Londra è stanco della vita; a Londra c’è tutto ciò che questa vita possa offrire” diceva lo scrittore Samuel Johnson e con queste premesse non si fatica a capire il motivo che spinge le persone a considerare Londra tra le migliori città in cui dare il benvenuto al nuovo anno.

Sul gradino più alto del podio, infatti, troviamo proprio lei, Londra, mentre Amsterdam conquista la medaglia d’argento e Praga quella di bronzo.

La Spagna entra in classifica nella top 10 con ben due città: Madrid al quinto posto e Barcellona al settimo, mentre la romantica Parigi ottiene il nono posto, seguita da Budapest.

Gli italiani, però, non si fermano ai confini europei e molti, cogliendo l’occasione offerta dal periodo di vacanze invernali, lanciano lo sguardo anche oltreoceano.

Tra le preferenze, qui troviamo la capitale di Cuba, L’Avana, che supera New York e conquista l’11° posto, contro il 13° della Grande Mela.

La TOP 10

Londra

Amsterdam

Praga

Vienna

Madrid

Lisbona

Barcellona

Copenaghen

Parigi

10° Budapest


  • 0

I 10 Paesi da non perdere nel 2017

Category : Info

Verso la fine dell’anno escono come di consuetudine classifiche sui luoghi più visitati nel mondo e gli elenchi con i suggerimenti per quelli da visitare nel 2017. A dare già indicazioni con largo anticipo per i viaggi del 2017 è la celebre guida Lonely Planet, uscita con la sua top 10 dei Paesi da visitare assolutamente l’anno prossimo. Ecco dove andare nel 2017.

10. ETIOetiopia-fiume-omoPIA

L’Etiopia, Paese africano dai paesaggi incredibili e dalla cultura antichissima, è una delle 10 mete top, tra i Paesi del mondo, da non perdere nei viaggi del 2017 secondo la Lonely Planet. La depressione della Dancalia, che i trova nel Corno d’Africa, è uno dei luoghi che sembra provenire da un altro pianeta.

9. MYANmyanmarMAR

La Birmania o Myanmar, come ancora ufficialmente si chiama, è un affascinante Paese del Sud-Asiatico ricco di scenari da favola, tra natura incontaminata e valli di templi, concentrati soprattutto nell’antica città di Bagan, sulle sponde del fiume Irrawaddy. Il Paese che sta lentamente uscendo dalla dittatura militare è una meta turistica sempre più frequentata.

8. OMoman-muscatAN

L’Oman, è il Paese della Penisola Arabica, nuova destinazione di punta del turismo. Il suo paesaggio brullo di montagne spoglie, deserti e città rimaste tradizionali esercita grande fascino sui turisti occidentali. L’attrazione più spettacolare è la Grande Moschea intitolata al sultano Qaboos, nella capitale Muscat.

7. MONGOLImongoliaA

La Mongolia, il Paese delle immense steppe, disseminato qua e là da qualche yurta, la tipica abitazione mobile dei nomadi, una tenda circolare sorretta da un telaio in legno. Le vaste pianure e i deserti sono delimitati da catene montuose, come quella dei Monti Ataj, al confine con Russia, Cina e Kazakistan. Un Paese tutto da scoprire.

6. BERMUbermudaDA

L’arcipelago di Bermuda con le sue isole paradisiache. Un territorio d’oltremare britannico al largo della costa atlantica meridionale degli Stati Uniti, composto da un’isola principale e trecento isolotti.

5. NEPALnepal

Il suggestivo Nepal, circondato dalle vette più alte del mondo della Catena dell’Himalaya. Il paradiso degli scalatori e dei trekker. Purtroppo molti monumenti e palazzi dell’antica città di Katmandu sono andati distrutti nel terremoto del 2015. Il Paese rimane comunque un luogo ricco di fascino, dal punto di vista sia naturalistico che storico.

4. DOMINICAdominica

La Dominica, da non confondere con la Repubblica Dominicana, è una isoletta da sogno del Mar dei Caraibi, appartenente alle Isole Sopravento meridionali britanniche, nell’Arcipelago delle Piccole Antille. Si trova tra le isole di Guadalupa, a  nord, e Martinica, a sud, ed è un autentico giardino dell’Eden grazie al ridotto sviluppo edilizio.

3. FINLfinlandiaANDIA

Al terzo posto, sul gradino più basso del podio, troviamo la fiabesca Finlandia con i suoi paesaggi incantanti, di acqua e verdi foreste in estate e di neve e ampie distese di ghiaccio in inverno, dove a sorpresa fanno capolino le aurore boreali.

2. COLOMBIAcolombia

La vivace e colorata Colombia, si piazza al secondo posto delle mete imperdibili dell’anno prossimo. Con i suoi paesaggi, dalla giungla rigogliosa e alle storiche città coloniali, è un Paese che ha molto da offrire. La Colombia è stata martoriata dalla guerra civile, ma ora la situazione è in via di miglioramento e il Paese sta diventando più sicuro.

1. CANADAcanada

Il 2017 sarà l’anno del Canada. Il Paese si sta preparando per festeggiare i 150 anni dell’indipendenza e tra le iniziative in programma c’è il completamento della fantastica Trans Canada Trail o Great Trail, la pista ciclabile più lunga del mondo, che si estende per 24 mila chilometri dall’Atlantico al Pacifico fino al Mar Glaciale Artico. Un percorso meraviglioso in mezzo alla natura selvaggia. Non è difficile capire perché il Canada è in cima alla classifica delle mete top del 2017. Un Paese da visitare assolutamente, specialmente nell’anno dei festeggiamenti per il 150° l’indipendenza.


  • 0

7 incredibili curiosità sul Vietnam

Il Vietnam è un Paese dai costumi completamenti diversi dai nostri e di curiosità se ne potrebbero scrivere un’infinità. Vi riportiamo giusto quelle che più ci hanno lasciato a bocca aperta.

CULTO DEGLI ANTENATI

vietnam-culto-antenatiSoprattutto a sud del Vietnam, andando in giro qua e là per campi e risaie, capiterà di trovare delle tombe sparse a piccoli gruppetti, quasi mai veri e propri cimiteri.
Qui, indipendentemente dalla religione, si osserva il culto degli antenati. Ovvero, ogni famiglia usa seppellire i propri antenati davanti alle proprie abitazioni in modo che gli spiriti possano trovare la strada di casa.

Così, passeggiando, ci si imbatterà in tutte queste tombe in mezzo alle risaie, o in un angolino nelle vicinanze delle abitazioni. Si tratta di strutture in marmo o in pietra in base a quando è avvenuta la sepoltura. Curiosità della curiosità è che i vietnamiti non usino pregare sulla tomba, infatti questa non viene curata come qui da noi o pulita dalle sterpaglie, anche perché si dice che agli spiriti non piaccia la luce. Gli antenati vengono ricordati in casa, luogo sacro dove esiste un vero e proprio altare degli antenati: un enorme mobile in legno antico con le foto dei defunti e qualche offerta.
L’altare degli antenati è la parte più importante dell’abitazione.

RELIGIOSI NON DICHIARATI

vietnam-preghieraIn Vietnam solo il 20% della popolazione segue una religione.
In effetti non è che in Vietnam si vedano ovunque altarini e offerte, fiori ed incenso, come accade per esempio in Thailandia. Non ci sono ovunque Buddha sdraiati, in piedi, seduti e nelle innumerevoli posizioni di preghiera.

In Vietnam in realtà esistono dei religiosi non dichiarati. Ovvero coloro che osservano una religione ma che dichiarano di essere atei per non incorrere in provvedimenti governativi.

LA RACCOLTA DEL RISO

vietnam-raccolta-risoOgni zona in Vietnam ha le sue regole, ad esempio in alcune zone la raccolta del riso avviene due volte l’anno, in altre addirittura tre in base al clima. Nel periodo in cui tutto il riso è già stato raccolto e le risaie sono vuote e secche, i lavoratori sono intenti a pulire il terreno dalle zolle ormai marce. In tali fasi non si può perciò godere degli scenari da dépliant, quelli in cui il verde acceso dei campi abbaglia gli occhi e finisce là solo dove iniziano il cielo e le montagne. Ma tutti questi omini intenti a sbrigare le loro faccende, vedere i loro piedi ammollo per tutta la giornata, con i famosi cappelli a cono, lasciano comunque stregati.

UNA CENA SENZA BERE

In Vietnam durante pranzi e cene ci si limiti a mangiare – cose buonissime ma anche abbastanza piccantine – senza bere neanche un bicchiere di acqua o di tè.
Il risultato, almeno per noi occidentali, è distruttivo: lingua felpata e gola in fiamme.
Solo alla fine del pasto, dopo aver sparecchiato, viene portato un bicchiere di acqua gelata (con ancora il ghiaccio dentro). Non è loro usanza bere a tavola, primo perché solitamente come pietanza c’è sempre qualcosa di brodoso e secondo perché l’acqua gonfia. Inoltre è molto difficile che a tavola si parli troppo, la motivazione è sempre dovuta al gonfiore che provocherebbe l’aria che entra nello stomaco.

L’ORA DEL TÈ CONVIVIALE

vietnam-ora-del-teAnche in Vietnam adorano il tè, lo servono in minuscole tazzine senza manico in porcellana bianca decorata con ghirigori azzurri. Al centro del tavolo viene posta una teiera custodita in un curioso thermos ricavato da una noce di cocco.
Il tè, che il più delle volte ha un retrogusto floreale tipo gelsomino, viene accompagnato da frutta o dolcetti gustosi.

Il tè non è bevuto per sete e per i vietnamiti è strano vedere noi occidentali prendere una tazza e scolarsela a mo di chupito. Per loro è un importante intermezzo volto a favorire la convivialità. L’infuso va bevuto a piccolissimi sorsi, facendolo scendere in gola solo dopo averlo trattenuto un po’ lungo il palato. Solo così si potranno apprezzare tutte  quante le proprietà di questo infuso.

MOTORINI

vietnam-motoriniPerché in Vietnam è pieno di motorini?
Impossibile non chiederselo, soprattutto se avete rischiato la pelle attraversando un qualunque incrocio trafficato di un’arteria di Ho Chi Min o Hanoi.
In Vietnam quasi tutti posseggono un motorino sul quale trasportano davvero di tutto. Il perché è presto detto, avere un’auto in Vietnam è molto, ma molto più costoso che in Italia. Questo perché il governo tassa incredibilmente questi beni, una cosa tipo il 200%. Detto questo si capisce quanto sia più semplice acquistare un motorino piuttosto che una macchina, e tutto sembra più normale, anche il traffico diabolico di Hanoi.

CRIMINALITÀ ZERO

In Vietnam ci sono zone davvero povere, sia concentrate in grosse metropoli che in paesini sperduti in mezzo alla campagna. La gente passa le proprie giornata per strada e la confusione è davvero innegabile, eppure non si percepisce mai il pericolo di essere scippati. Ad Ho Chi Minh si vedono donne fare palestra all’aperto in angoli bui di strade “poco” trafficate; alcuni macchinari che noi troviamo solo in costose palestre sono disponibili nei parchi.

Al sud del Vietnam si vedono poi case lasciate totalmente aperte, con televisori accesi anche se nessuno sta guardando. Spesso i vietnamiti del sud tengono in casa l’oro, dedicano la loro vita al lavoro e al risparmio. Iniziano con il vivere in umilissime case, senza pavimento, molto simili a baracche per poi costruirsi la casa dei propri sogni. Il fatto di tenere la televisione accesa, posizionata volontariamente proprio di fronte alla porta d’ingresso, starebbe ad indicare la loro ricchezza. Inoltre qui tutti sanno che in casa viene tenuto l’oro, ma le porte non vengono chiuse e nessuno osa entrare nelle abitazioni altrui per rubare.

SALUTO CON IL BACIO

Sappiate che in Vietnam non ci si saluta con i bacini guancia a guancia, soprattutto fra uomini e donne appena conosciuti. Paese che vai, usanza che trovi. Qui si usa sfregare guancia e naso, e lo si fa soprattutto fra anziani e fra parenti. Perciò occhio ai saluti, potreste finire di trovarvi in situazioni un po’ imbarazzanti.

Se vi va di scoprire di persona queste e altre curiosità, date un’occhiata al nostro prossimo tour del Vietnam.