“Infernomania”, scopriamo i luoghi del film di Ron Howard

“Infernomania”, scopriamo i luoghi del film di Ron Howard

Il 13 Ottobre è uscito nelle sale Inferno, terzo capitolo cinematografico tratto della saga letteraria di Dan Brown con protagonista Robert Langdon (interpretato da Tom Hanks), diretto da Ron Howard.

L’avventura sui luoghi del libro era già iniziata nel 2013 con la presentazione del best seller a Palazzo Vecchio e già allora si parlava di “Infernomania“. A Firenze le guide turistiche si sono inventate ogni sorta di itinerario, su e giù per le scale dal Salone dei Cinquecento alla Sala delle Carte geografiche, passando per lo Studiolo di Francesco I e la sala con la maschera funebre dell’Alighieri. Adesso, dopo la presentazione del film in mondovisione al Teatro dell’Opera, la voglia di ripercorrere i passi del professore statunitense è del tutto esplosa.
Se anche voi bramate nel mettere piede li dove lo mise la versione cinematografica di Robert Langdon, ecco tutti i luoghi da visitare.

FIRENZE

Ovviamente da qui bisogna partire, dove la storia ha inizio e dove maggiormente si sviluppa. Il film è stato girato per buona parte nel centro del capoluogo toscano, riconosciuto nel 1982 come Patrimonio Mondiale dell’umanità. Forse era dai tempi di Camera con Vista (1986) di James Ivory che non si vedeva Firenze come ambientazione principale di un film, ma stavolta è toccato a Ron Howard omaggiare la città dei Medici e saggiamente ritenerla come significativo set per la presenza di luoghi magici. Lo spettatore si renderà subito conto di essere a Firenze data l’apertura della pellicola: un’ampia panoramica che lascia scorgere alcuni dei luoghi simbolo come la Cupola del Brunelleschi, il Campanile di Giotto, il Battistero e la Torre di Arnolfo di Palazzo Vecchio.

521334333834I protagonisti ci accompagneranno in un meraviglioso viaggio che toccherà proprio Palazzo Vecchio, in Piazza della Signoria, simbolo della città e noto in tutto il mondo nella su a magnificenza. Ancora vedremo Tom Hanks al’interno del Giardino dei Boboli, vasto parco cittadino adiacente a Palazzo Pitti. L’attore protagonista si troverà, inoltre, in un mirabolante inseguimento attraverso il Corridoio Vasariano, percorso sopraelevato che collega Palazzo Vecchio con Palazzo Pitti passando per la Galleria degli Uffizi e sopra il Ponte Vecchio. Una scena clou del film si svolge nel Salone dei Cinquecento, la sala più imponente di Palazzo Vecchio.

05-salone-dei-cinquecentoGli operatori di Mus.e. che gestiscono e programmano le attività museali a Palazzo Vecchio viaggiano ora al ritmo di tre itinerari guidati al giorno per quindici persone, ma si pensa già a moltiplicare le visite. Il tour, adatto anche ai ragazzi dai 12 anni in avanti, è una sorta di viaggio sui set del film. In circa un’ora e con solo quattro euro (due per i fiorentini) in aggiunta al biglietto del museo, l’itinerario consente di scappare attraverso passaggi segreti e camminamenti spericolati, così come hanno fatto il professor Robert Langdon e la bella e fanatica dottoressa Sienna Brooks (Felicity Jones). Ad esempio, è davvero possibile entrare sopra il sopra il soffitto del Salone dei Cinquecento e camminare fra la capriate e le travi ideate dal Vasari. E poi la via di fuga dalla Sale delle Carte geografiche al terzo piano: si spinge il pannello con l’Armenia e si sgattaiola via, fino a via della Ninna.

PADOVA

Splendida Piazza di Prato della Valle a PadovaNon si vedrà solo la città del Brunelleschi, ma anche Padova, un’altrettanto bella città ricca di testimonianze culturali. Nel trailer del film si vede Tom Hanks inseguito lungo un binario e si intravede alle sue spalle il cartello della stazione di Padova centrale. In realtà si tratta di una ricostruzione cinematografica, ma ciò non toglie che una veduta laterale si affaccia sulla città patavina e la fa ammirare in tutta la sua bellezza.

ISTANBUL

blue-mosque-or-sultna-ahmed-mosque-in-istanbulL’avvincente film di Ron Howard ci farà approdare anche nell’antica Bisanzio, oggi città più importante della Turchia e città culturale nota in tutto il mondo, meta del turismo internazionale: Istanbul. Fin qui si spingerà Robert Langdon, nel cuore di Sultanahmet, tra i luoghi più belli di Istanbul e le celebrità architettoniche della Costantinopoli d’un tempo: la Basilica Cisterna, Ayasofya, la Moschea Blu e il bazar delle spezie dove conoscere gli odori e i sapori della Turchia.

BUDAPEST

parliament-at-dusk-icy-danube-river-budapest-hungaryE per finire si va alla periferia di Budapest: non poteva mancare la capitale ungherese dove gli antichi quartieri ben si sono prestati a essere set per gli intrighi e i misteri in cui sono coinvolti i due protagonisti. E così un giro per le strade storiche, le piazze antiche e le famose botteghe di Budapest ci voleva proprio per lasciarsi ispirare con questo film anche per individuare la meta per un prossimo weekend.

LASCIA UN COMMENTO